Tecniche di vendita diretta odierne: l’abito non fa il monaco?

Share

Nelle tecniche di vendita diretta odierne, come nella vita, l’abito non fa il monaco? E’ un quesito che potrebbe apparire tendenzioso, se non fosse per un particolare importante.

Tecniche di vendita diretta odierne per l'eccellenza

Tecniche di vendita diretta odierne: un particolare importante

Alcuni anni fa, una parte significativa delle società di ricerca e selezione Usa parteciparono ad un sondaggio per capire quale fosse il peso del primo impatto di un candidato sul relativo selezionatore. Se non ricordo male, la società era Amplitude Research. Dal sondaggio emerse che se, durante i primi 30 secondi dell’intervista l’impressione sul selezionatore del relativo candidato fosse stata buona, nel corso del colloquio il candidato stesso aveva circa il 50% di rischio di ribaltare tale opinione in senso negativo. Una parola, un gesto, una frase inopportuna poteva facilmente comprometterlo. Viceversa, in caso di impressione negativa da parte del selezionatore, nel corso dei primi 30 secondi, nulla avrebbe potuto ribaltare in positivo tale impressione.

Di questo fatto non possiamo non tenere conto, quando in aula parliamo di tecniche di vendita diretta odierne. Per cui la frase del titolo potrebbe diventare: per le tecniche di vendita diretta di oggi, l’abito non fa il monaco, ma aiuta a riconoscerne uno!

Nei primi istanti dell’incontro, il cliente si forma un’idea del venditore che ha di fronte, e l’abbigliamento del venditore stesso è un veicolo importante di informazioni. Un abbigliamento  trasandato rischia di evocare un’immagine di disordine e sciatteria; di contro, un abbigliamento troppo ricercato potrebbe evocare un’immagine di esibizionismo e potenziale manipolazione, di nuovo pregiudizievoli. Mai come in questo caso possiamo dire: in medio stat virtus!

I nostri suggerimenti ai venditori diretti si orientano sulla scelta di un tipo di abbigliamento elegante ma sobrio, alla moda ma non appariscente, ordinato ma non affettato. Riteniamo che questo sia il giusto equilibrio da osservare e conservare, e lo stesso consiglio viene dato in aula, durante i nostri seminari di formazione tecniche di vendita diretta.

Qualche altra indicazione? Ma certo!

  1. Cura il tuo aspetto fisico: pulizia, accuratezza, forma fisica sono importanti per veicolare messaggi opportuni all’interlocutore
  2. Acquista meno, ma acquista bene: l’abbigliamento di livello non solo fa una migliore impressione, ma spesso dura anche di più
  3. Porta con te l’essenziale, ma non il superfluo. I venditori che arrivano dal cliente con una baulata di campioni, mockup, prodotti, cataloghi, leaflet,  si complicano la vita: a nessuno piace vedere un personaggio che invade i propri spazi con una miriade di oggetti.
  4. Qualunque sia il tuo introito mensile, scegli un mezzo di locomozione né troppo dimesso, né troppo lussuoso: in entrambi questi casi dovresti poi pedalare in salita.

Naturalmente le tecniche di vendita diretta odierne non possono limitarsi solo a questi suggerimenti: c’è molto altro di cui parlare, e i successivi post sull’argomento lo faranno senz’altro. Comunque, per approfondire, puoi scaricare gratuitamente un completo estratto de “Xtreme sales power-Libera la tua potenza di vendita e raddoppia i tuoi guadagni!” seconda edizione, diventato un riferimento per i venditori italiani. Trovi la versione integrale, comodamente da casa, presso Amazon.

Grazie per la lettura e l’eventuale condivisione di questo post sulle tecniche di vendita diretta odierne!

Share

2 pensieri riguardo “Tecniche di vendita diretta odierne: l’abito non fa il monaco?

  • 26 giugno 2017 in 21:47
    Permalink

    Buonasera,
    mi interessano le tecniche di vendita diretta in quanto sono stato contattato da una società, tempo fa, ed ora sto operando come venditore diretto di prodotti per la casa.
    Lo trovo un lavoro molto impegnativo, e in particolare ho diffic0oltà a contattare nuovi clienti.
    Cosa mi consigliate?
    Grazie per una risposta, se potete.
    Un cordiale saluto.
    Virgilio Scala

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *